Comò e cassettiere escono dalle camere

Comò e cassettiere escono dalle camere

Comò e cassettiere da sempre caratterizzano le camere da letto, elementi indispensabili per mantenere l’ordine. Ogni camera ha il suo stile e questi elementi di arredo  sono costituiti conformemente allo stile della camera stessa. Oggi, però, si ritrovano anche in altri ambienti della casa.

Cosa è un comò

I comò sono mobili con la funzione di mantenere in ordine diversi oggetti, dalla biancheria intima personale ai gioielli e molto altro. Questo è possibile grazie agli ampi cassetti di cui sono dotati.

Un tempo il comò era integrato con uno specchio sovrapposto ma da molti anni questa soluzione “vintage” è superata e lo specchio, comunque sempre attuale, è appeso alla parete.

Il termine Comò deriva dal francese “commode” che sta a simboleggiare la comodità che è permessa da questo mobile, appunto, nel mantenimento dell’ordine nella camera.

Nuove funzioni del comò

Oggi il comò, in stili parecchio innovativi rispetto al passato, trova spazio al di fuori della camera da letto, in ambienti anche come il soggiorno, per assumere funzioni diverse: supporto per la TV o per lo stereo, per accogliere vasi di fiori o altro.

Per decidere quale comò scegliere occorre partire dallo spazio disponibile e dalla necessità di spazi per riporre le cose al suo interno.

Se il comò deve avere la funzione di piano d’appoggio occorre anche considerare la sua altezza. In ultimo ma non per ultimo bisogna scegliere lo stile che deve integrarsi perfettamente con il resto dell’arredamento.

I materiali per il comò

Oltre al materiale costitutivo del comò inteso come mobile, importanti sono anche gli elementi aggiuntivi, ad esempio le maniglie che devono armonizzarsi alla perfezione  con il comò e l’ambiente e contemporaneamente essere della massima praticità.

Attenzione particolare va posta alle guide dei cassetti che devono essere facilmente estraibili completamente ma anche essere dotati di un fermo che renda impossibile il loro ribaltamento e l’ideale sarebbe che fossero anche dotati di un meccanismo di ammortizzamento della chiusura.

Sono molti i materiali per la costruzione di comò e cassettiere, queste ultime, non dimentichiamo, anche a loro volta con importanti funzioni di contenimento di vari materiali, a concorrere al mantenimento dell’ordine in una casa.

Come possono essere i comò

Nella maggior parte dei casi i comò e le cassettiere sono costituiti da legno massello, da pannelli mdf, compatti e resistenti oppure da truciolato nobilitato con effetti estetici diversi, da quello effetto legno o bianco o in altri colori per adattarsi ad ogni effetto estetico e all’arredamento della casa.

Importanti sono anche le finiture che possono essere coprenti e laccate oppure con vernici non coprenti che risaltano le fibre naturali del legno.

Quale legno per il comò

Oltre al pino o abete, legni resinosi durevoli nel tempo ma con il difetto di essere legni teneri che facilmente si graffiano, si usa spesso anche il frassino termotrattato, una lavorazione che porta il legno alla temperatura di circa 200°C, stabilizzandolo maggiormente e donando una colorazione naturale più scura del legno naturale.

Il Palissandro è un legno duro e compatto che dura parecchio inalterato nel tempo. Ha un colore bruno rossastro con striature nere, molto elegante. Il palissandro è anche usato per realizzare alcuni strumenti musicali.

Il Sicomoro ha un colore chiaro, è molto leggero ma nonostante questo è particolarmente resistente e durevole nel tempo. Trae origine in medio oriente ed è lo stesso legno utilizzato dagli antichi egizi per la costruzione dei sarcofagi: questo, attraverso le tante testimonianze che si trovano oggi nei musei, conferma la resistenza e la lunga durata di questo legno nel tempo, arrivando in molti casi quasi intatto ai giorni nostri a distanza di migliaia di anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *